• Translate

  • Follow us

  • Memini, volat irreparabile tempus

    ottobre: 2021
    L M M G V S D
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Guarda il film online

  • Articoli recenti

  • Pagine

  • Archivi

  • Visita di Benedetto XVI 9 /10 /2011

  • “I solitari di Dio” di Enzo Romeo

  • “Oltre il muro del silenzio”

  • “Mille anni di silenzio”

  • “La casa alla fine del mondo”

  • Live from Grande Chartreuse

  • Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi e-mail.

    Unisciti ad altri 619 follower

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.


Focus Pleterje 2

1

Prosegue il focus sulla certosa di Pleterje, tratto dalla celeberrima rivista “National Geographic“, a cui vanno i miei ringraziamenti.

4

E qual è la vita di un monaco che, secondo le regole dell’ordine del monastero, non parla per nessun motivo particolare e non gode altro che cibarsi di pesce, ed i cui parenti possono visitare per un massimo di due giorni all’anno e non guarda la televisione , non dispone di telefono o accesso a Internet?

L’orario cambia leggermente, a seconda delle stagioni e delle festività religiose, ma non ci sono grandi differenze tra i giorni. La notte dura dalle sei di sera alle sei del mattino, ma i certosini si alzano alle undici di sera e pregano. Prima in cella, poi ognuno di loro va in chiesa in silenzio. Qui cantano salmi e inni e ascoltano brani della Bibbia letti da uno dei fratelli. Questo di solito richiede molto tempo. Le Regole dicono: “Durante la veglia notturna, il nostro culto è, come al solito, piuttosto esteso, ma giudiziosamente misurato”. Tornano nelle loro celle verso le due del mattino, ma si rimettono in piedi prima delle sei. Segue la preghiera del mattino in cella, alle sette c’è la messa comune in chiesa. Poi i padri, questi sono i fratelli del monastero che sono anche sacerdoti, hanno ciascuno una messa in una delle tante piccole cappelle costruite per questo scopo. Segue il ritorno in cella, la preghiera, lo studio o la lettura della letteratura spirituale. Alle undici, pranzano in cella con il cibo servito dallo sportellino della cella. Nel pomeriggio si dedicano al lavoro nel loro laboratorio. Lavorano con il legno, scolpiscono o intagliano, fanno i fabbri o fanno qualcosa di simile. Anche in questo momento non si rinuncia alle preghiere, poiché le Regole dicono che è giusto «ricorrere sempre a brevi orazioni e sospiri durante il lavoro».

5

Dal laboratorio possono entrare nel giardino che ognuno dei padri ha per sé e coltivarvi fiori o ortaggi. Nel pomeriggio si riuniscono di nuovo in chiesa, vi recitano una preghiera serale comune, quindi tornano in cella, cenano, pregano di nuovo e si sdraiano per riposare. La domenica la giornata è diversa. Quindi pranzano insieme, durante il quale ascoltano la parola di Dio, seguita da un intrattenimento condiviso. Il lunedì pomeriggio fanno una passeggiata per la zona, camminando a coppie che si alternano in modo che tutti possano parlare tra loro. Altrimenti i certosini parlano solo quanto è assolutamente necessario.

Una volta alla settimana, i membri della comunità monastica fanno una passeggiata intorno alla vicina Certosa. Quindi non sono vincolati dalle solite regole del silenzio. Camminano in coppia, a turno in modo che tutti possano parlare tra loro.

7

Date le rigide regole dell’ordine, sorge la domanda sul numero di coloro che sono interessati ad entrarvi e di coloro che vi si impegnano concretamente. «Facevo statistiche, e se non ricordo male ci hanno scritto circa 50 persone in un anno, dieci di loro sono venute a trovarci per qualche giorno», racconta il priore, che è anche maestro, incaricato di educare i nuovi arrivati. “Ma se uno di quelli che vengono rimane, va bene. Durante il noviziato, il periodo di prova di due anni, può partire in qualsiasi momento. Poi fa un voto per tre anni, poi per altri due e solo allora seguono i voti eterni. A meno che, ovviamente, non cambi idea in anticipo.

9

L’ordine certosino è composto da sacerdoti, membri dell’ordine che sono anche sacerdoti e fratelli laici; dedicano parte della giornata al lavoro per consentire alla comunità di sopravvivere. Le norme per l’ammissione all’Ordine, che di norma non ammettono nelle loro file le persone di età inferiore ai 20 anni e quelle di età superiore ai 45 anni, stabiliscono che il candidato sacerdote deve avere un’audizione adeguata. I certosini cantano molto durante i riti; sono caratterizzati dal canto gregoriano, canto liturgico medievale unanime. Hanno mai rifiutato qualcuno per mancanza di udito? “Consideriamo diversi fattori in un candidato sacerdote, non solo uno”, afferma padre Frančišek. “Se giudichiamo che non è in grado di completare gli studi teologici, e se non ascolta, gli consigliamo di scegliere la strada del fratello laico. Rifiutare qualcuno solo per mancanza di udito, non ricordo. Essendo un esperto di musica, ho insegnato anche ai ragazzi a cantare, «Perché i candidati al padre devono fare studi teologici, chiedo. Non si tratta di acquisire le conoscenze necessarie per il lavoro pastorale? «È vero, i certosini non hanno un ruolo pastorale esterno. Il nostro studio teologico è interno e si svolge qui, ogni fratello studia nella propria cella. Una volta al mese vengono da noi docenti della Facoltà di Teologia di Lubiana, e alla fine del semestre c’è un esame. I Padri devono imparare bene la teologia, poiché utilizzata da soli nella loro cappella e la domenica, quando abbiamo una messa comune e ci alterniamo. È quindi importante che comprendano tutto il segreto che significa Messa. Il Padre deve anche confessare e guidare spiritualmente gli altri nella comunità. È una grande responsabilità, quindi dobbiamo essere ben istruiti teologicamente”.

Il monastero ha una ricca biblioteca dove i monaci possono prendere in prestito libri per la lettura e lo studio personali. Coloro che desiderano diventare padri devono sottoporsi a uno studio interno di teologia.

8

I PRIMI DECENNI

La Certosa di Pleterje fu fondata nel 1407 dal conte Herman II di Celje. (ca. 1361-1435), sotto il quale la famiglia Celje raggiunse il suo apice, e la costruzione iniziò quattro anni prima. dopo la formazione del monastero certosino, i certosini di Pleterje, ricevettero molti doni sotto forma di terre e rendite, se ne beneficiarono. Ma subito dopo il declino della famiglia Celje, iniziato nel 1456 con l’assassinio di Ulrich II, l’ultimo discendente maschio della famiglia, la situazione iniziò a deteriorarsi. Nel 1471 Pleterje fu prima devastata dai Turchi, quindi il monastero fu ricostruito come fortezza. La riduzione del reddito materiale e l’impegno dei fratelli per i valori spirituali dell’ordine furono in seguito influenzati dal protestantesimo, dalle rivolte contadine e dall’insediamento degli Uskok, che non erano favorevoli alla religione.

Così, poco dopo la metà del XVI secolo, la Certosa rimase priva dei suoi abitanti originari e nel 1595 fu rilevata dai Gesuiti di Lubiana. Hanno cambiato completamente il loro aspetto: le case monastiche sono state demolite, il campanile è stato aggiunto alla chiesa e il suo interno è stato riorganizzato. Quando il Papa sciolse l’ordine dei Gesuiti nel 1773, la Certosa di Pleterje divenne proprietà dello Stato e nel 1839 divenne privata. Nel 1899 i certosini lo riacquistarono dagli allora proprietari, la famiglia ungherese Bors de Borsod. I nuovi-vecchi proprietari, venuti dalla Francia, da dove furono espulsi dalle autorità, sono intervenuti a fondo negli edifici. Fatta eccezione per la vecchia chiesa gotica del XV secolo e alcuni edifici circostanti, tutto il resto è stato demolito. “Dalla Francia, molte attrezzature sono state trasportate in treno da due certosini e l’interno di una nuova chiesa, cappelle, celle monastiche hanno avuto le relative dotazioni”, ha affermato il priore. quando mi raccontò della storia recente del monastero. La stima che l’attrezzatura della cella che mi ha mostrato avesse almeno cento anni non era chiaramente sbagliata.

6

Kartuzija Pleterje, Drca 1 Sentjernej, Slovenia, EU Photo Credit: Tamino Petelinsek/ 2019-2020